Dolce Vita in versione Sake

prima

apertura

E’ sempre una scoperta passare una serata con persone nuove ed interessate a conoscere il sake giapponese. La cosa più difficile ritengo sia stata il non cadere nella tentazione didattica o, peggio, cattedratica per vedere sfumare  quella eleganza e delicatezza che il sake giapponese mantiene in sé e riporta agli astanti. La speranza è di aver evitato il tranello.

Le foto sono un contributo importante di Marco Triarico.

Aperitivo2Serataconamici3

Una bella serata con gli amici inizia sempre dall’aperitivo. E qui abbiamo potuto apprezzarne tre  diverse interpretazioni orchestrate da Maurizio Pfrimmer e sapientemente miscelati da  Emanuele Doc Mazzoni: un Moscow Mule, un Negroni ed uno Sprizt. Miscelati rispettivamente con il “nostro” Meisui no Kura, Tokubetsu Junmai, il Moscow Mule;  l’Akitora Junmai Ginjo per il Negroni; e lo Schichi Hon Yari  Junmai per lo Spritz .

Mesui No kura

Meisui no Kura Tokubetsu Junmai in Moscow Mule

Meisui No kura2

Meisui no Kura Tokubetsu Junmai in Moscow Mule

AkitoraNegroni

Akitora Junmai Ginjo in Negroni

Akitora Negroni

Akitora Junmai Ginjo in Negroni

SchichiHonYari1

Schichi Hon Yari Junmai in Spritz

SchichiHon Yari2

Schichi Hon Yari Junmai in Spritz

Il menu curato in ogni particolare da Saeko Okada ha lasciato spazio ad abbinamenti che sono risultati ottimi compagni di viaggio dei nostri sake. La chef ci ha mostrato il valore aggiunto che il sake può avere sulla tavola, non caldo e non come digestivo, bensì come companatico. In effetti, il sake giapponese apre visioni gustative interessanti. Va a completare più che ad aggiungere. Va a trasformare con delicate note floreali o cereali morbidezze le pietanze in abbinamento. Il Meisui no Kura è di per sé molto delicato e ben si è trovato in compagnia  del carpaccio di tonno marinato. Il petto di anatra leggermente affumicato veniva definitivamente completato dall’Akitora. Mentre lo Scichi Hon Yari andava a nozze con  il trancio di salmone in crosta e marinato con le puntarelle.

Menuok

Sul finale una sorpresa che non appare nel menu. All’ultimo, infatti, è entrato in gioco un quarto sake rispetto a quelli previsti..una piccola sorpresa per i nostri ospiti. Abbiamo abbinato il Maboroshi no taki Junmai alla mousse al cioccolato scoprendo quali possibilità possa portare un accostamento tra la sapidità che naturalmente cede questo sake rispetto all’amaro del cioccolato. Esperimento riuscito a giudicare dai commenti.

Mousse

Maboroshi no Taki Junmai con Mousse al cioccolato

Lasciando il locale rimane la speranza non tanto di aver soddisfatto in tutto e per tutto la curiosità sul sake giapponese degli invitati, quanto piuttosto quella di aver stuzzicato il loro appetito intellettuale nei confronti di questa bevanda millenaria che è al centro di un interessante movimento di ricerca e scoperta culinaria nelle grandi capitali europee.

Kanpai!

cenaconamici2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...