Cantine di Kyoto: TAKENO BREWERY.

Takeno Logo

Takeno Brewery Logo

Think Free – Japanese Sake

La Takeno Brewery è una delle realtà più interessanti nel mondo del sake contemporaneo. E questo non solo per i prodotti quanto per la sua filosofia. Tra i sui prodotti spiccano sake in cui è il riso che fa da spartiacque. Nei sake della Takeno Brewey si trovano varietà di riso che sono, a dir poco rare, come il Kameno O, oppure non così comuni come l’Asahi o locali come l’Iwai. Siamo davanti ad una autentica matrioska. Sono tutte varietà diverse di riso il che presuppone una buona relazione con i coltivatori locali che quel riso lo producono per scelta personale e non di mercato. E questo, a sua volta, presuppone una conoscenza della pianta e dei suoi ritmi vitali, aldilà e oltre ogni standard produttivo.  E, una volta raccolto, questo riso sottintende un’ottima competenza nella lavorazione in fase di produzione del sake. E ancora, ogni riso è diverso dagli altri anche nel mondo della lavorazione e fermentazione del sake. E quindi accorgimenti e attenzioni particolari sono dovuti e devono essere conosciuti in cantina come nei campi a seconda del tipo di riso.

Takeno Logo 2017

Takeno Brewery Logo

Come dice il giovane presidente nel suo, appassionato quanto energico, credo: ” Io voglio sviluppare molti progetti nella mia vita attraverso il sake. Quello che vogliamo produrre qui non è solo un tipo di sake. Credo che il sake giapponese abbia infinite possibilità e credo che possa costituire il primo tassello su cui fondare una atmosfera ricca in cui le persone possano condividere i propri sentimenti. Credo che le persone siano importanti e che il sake aiuti a creare quella atmosfera di condivisione. Mi chiedo spesso quale tipo di sake potrebbe creare un’atmosfera così, vibrante e positiva, nei diversi luoghi del mondo. I contadini mettono il riso nei loro cuori ed io faccio lo stesso mentre tutti i giorni mi preparo a produrre sake e con il pensiero apprezzo la vita in ogni momento ed immagino di incontrare persone di tutto il mondo.  E così sono sicuro che la qualità del sake che produciamo diventerà sempre migliore, giorno dopo giorno.”

“Pensa..Vai libero” mi sembra di ricordare quello che mi diceva un mio vecchio amico mentre insieme parlavamo del futuro e bevevamo sake per stare leggeri e, perché no?, anche un po’ allegri.

FirenzeSake selezione Kyoto 2017 intestazione

Takeno Brewery

Joyo Shuzo Ltd.: originalità e bellezza.

La Joyo Shuzo Ltd. al Florence Wine Event 18-19 novembre.

Joyo Shuzo

La cantina Joyo Shuzo Ltd., fondata nel 1895, si trova nella parte sud della prefettura di Kyoto e vanta una produzione di circa novantamila litri di sake. Circa centoventimila bottiglie all’anno, per intenderci. Una piccola produzione quindi, che lavora con le materie prime locali e le proprie forze, senza compromessi. L’acqua di sorgente proviene dal pozzo che si trova al centro della cantina e da lì viene portata nelle tank dove il riso fermenta. Il riso utilizzato è solo riso da sake e proviene solo da coltivazioni locali. Dalla mattina alla sera e, qualche volta, anche la notte, gli operai lavorano da Ottobre fino a Marzo per far fermentare il riso con in mente un solo motto: bellezza ed originalità… la nostra sensibilità ed esperienza servirà a creare bellezza ed originalità nei nostri sake!

FirenzeSake selezione Kyoto 2017 intestazione

Qui abbiamo selezionato due sake, belli ed originali appunto. Il primo è un Junmaishu in cui il riso è stato raffinato fino al 65%. Che riso? Gohyakumangoku. Si tratta di un riso molto famoso in Giappone per i sentori tipici in acidità, un buon corpo ed un finale corto. Anche se in realtà è originario della prefettura di Niigata, ad oggi molti produttori lo utilizzano scoprendo terroir differenti a seconda della zona. “E questo” come ci dice il proprietario della cantina ” è 100% Gohyakumangoku di Kyoto!”. La degustazione è consigliata…anche in abbinamento con cruditè, pesce azzurro e verdure fresche.

Accanto troverete una piccola perla. Anche qui siamo difronte ad un Junmaishu con un grado di raffinazione importante: 60%. Non è un caso che il suo nome completo sia Joyo Tokubetsu (Special) Junmaishu. E ancora una volta è il riso, Iwai, che ci ha colpito nella selezione.  Un riso raro da trovare tra i sake importati in Italia. Coltivazione nativa – questa sì – della prefettura di Kyoto, era stata abbandonata nel 1946 e solo negli ultimi decenni è stato possibile ripiantarlo grazie all’Università di Kyoto.  Che dire ancora? Iwai significa “celebrazione” o “invito a celebrare” e a noi, aspettando il Florence Wine Event, suona un po’ come un invito alla degustazione! … continua

Joyo Junmai e Tokubetsu Junmai

Tre cantine di Kyoto tutte da scoprire.

FirenzeSake selezione Kyoto 2017

In tempi non sospetti abbiamo scritto: il nihonshu è prima di tutto una ricerca, una scelta di qualità ed un percorso da costruire giorno per giorno.

Ed è in questa prospettiva – e grazie alla sinergia con la Prefettura di Kyoto e del Firenze Kyoto Club –  che abbiamo lavorato per portare al Florence Wine Event , in programma il 18 e 19 Novembre, come special guests, i sake di piccole quanto importanti cantine di Kyoto. Avremo la possibilità di incontrare i sake da tre tipiche cantine che il sake non lo produconolo animano!

Accanto alla selezione delle nostre cantine (Arimitsu BreweryMikunihare Shuzo, Sekya Brewery, Tomita Shuzo, Yoshida Shuzo e Kazuma Shuzo), troveranno il loro giusto spazio le cantine selezionate e provenienti dalla Prefettura di Kyoto ( Takeno Sake Brewing Co. Ltd, Joyo Shuzo e Sasaki Shuzo)  che completeranno la carrellata dei gusti del sake, sì perché i gusti del sake sono innumerevoli e tutti da scoprire: ecco perché continuiamo a ricercare e selezionare!

Prima di passare a presentarvi le cantine un avvertimento: la selezione dei sake dalla Prefettura di Kyoto è avvenuto seguendo un preciso disegno, anzi, cercando i colori che quel disegno andranno a comporre. Abbiamo seguito un fil rouge, forte e potente, che ci permetterà di guidarvi nel mondo tradizionale del sake giapponese. E se verrete al Florence Wine Event vi tramanderò quello che qui rimarrà un segreto

 

A Firenze il Sake di Kyoto.

In armonia con il patto di gemellaggio tra la città di Firenze e Kyoto, che fu firmato a Firenze il 6 novembre del 1965, abbiamo fortemente voluto portare qui, nella nostra amata, una selezione di tre cantine che  producono sake immersi nella storia del Giappone. Come non ricordare che la città di Kyoto, prima di Tokyo, è stata per lungo tempo capitale imperiale? E come trascurare del resto, che la città di Kyoto, così come Firenze per il vino, si trovi al centro di una regione famosa per le sue tipiche produzioni locali di sake?

In coerenza con il legame di forte collaborazione culturale tra le due città, andremo a presentare alcuni sake che hanno tratti e caratteristiche davvero peculiari. Sono sake che vengono importati in Italia per la prima volta e che vi faremo conoscere attraverso degustazioni guidate per poter comprenderne a fondo sia le differenze che le tipicità.

IMG_7571

Tre cantine che abbiamo studiato e selezionato per proporre dei fuoriclasse ed, in un certo senso, anche un po’ outsiders. Tre cantine che producono sake utilizzando non solo riso locale, Koji, lieviti ed acqua. Vi aggiungono un ingrediente prezioso: il fattore umano.  Le cantine sono: la Sasaki Shuzo, la Takeno Brewery e la Joyo Shuzo. Presentiamo queste tre cantine di Kyoto con la stretta collaborazione del Firenze Kyoto Club ed il supporto della prefettura di Kyoto.

L’occasione sarà l’evento organizzato dall’associazione culturale Promowine il 18 e 19 novembre presso il Conventino Vecchio in Oltrarno.  E sebbene sia il decimo anno che viene organizzato il Florence Wine Event, sarà la prima volta che proverete introvabili sake giapponesi accanto a nobili vini e pregiati champagne. Benvenuti nel mondo dei fermentati! Kanpai!

22885783_1656249004437174_5118307488847336662_n

.GRAZIE.

Presentazione della Selezione 2017 dei sake artigianali importati da Firenze Sake presso il Circolo Culturale Teatro del Sale. Con la partecipazione del critico e giornalista enogastronomico Aldo Fiordelli ed il supporto tecnico-logistico-culturale di Fabio Picchi. Momenti di mecenatismo a Firenze.

NA2A3353

NA2A3594NA2A3388NA2A3415NA2A3460NA2A3588NA2A3613

 

FirenzeSake al Milano Sake Festival 2017

firenzesakeMilano Sake Festival 2017

Ci siamo!

Ad una settimana esatta dal Milano Sake Festival dove saremo presenti con una selezione dei nostri sake. Quest’anno assaggerete e, se vi piaceranno, potrete subito acquistare da noi le prelibate bottiglie oppure no? Fate vobis, tempus fugit!

La formula di quest’anno del Festival prevede un Sabato immerso nelle degustazioni ed una Domenica di immersione nelle lezioni con elevato contenuto di qualità. Si va dal Corso di Primo Livello del WSET dove acquisire gli strumenti per orientarsi nell’affascinante mondo del sake (conviene iscriversi prima per ricevere il materiale didattico per prepararsi) al food pairing con il Sake, per continuare con la degustazione dei sake della Prefettura di Iwate ed arrivare alla carne Wagyu.

Insomma non ci sarà da perdere tempo, anzi non perdete tempo..iscrivetevi!

 

 

Screen Shot 2017-09-16 at 11.43.20

(Cascina Cuccagna 1° Piano)

MILANO SAKE FESTIVAL – (Dalle 14:00 alle 24:00)
Dalle 14:00 al primo piano di Cascina Cuccagna troverete in esposizione e degustazione centinaia di etichette di sake, shochu e whiskey giapponesi da assaggiare e acquistare. Dalle 19:00 apre la terrazza col sushi bar e le creazioni di Bento e i dolci di MACHA e proseguono le degustazioni ai tavoli per una lunga “sake night”.

Ingresso, con incluse cinque consumazioni e un omaggio, previo pagamento quota associativa 2017 (€ 15) all’Associazione La Via del Sake*.

Chi è già in regola con la quota 2017 entra senza pagare, gli altri possono associarsi il giorno dell’evento portando un documento di identità valido. Per associarsi seguire questo link. I non associati possono aderire all’associazione il giorno stesso del festival presentandosi sabato 30 settembre con un documento e il costo della quota.

Screen Shot 2017-09-16 at 11.43.32

(Cascina Cuccagna 1° Piano)

[09.00 – 18:00] CORSO BASE SUL SAKE con certificato @WSET Level 1 
Conduce il corso Giovanni Baldini, diplomato WSET® Level 3, managing director di Firenze Sake e certified educator. Sake offerto da FOODEX/TAKARA.
€ 160 a persona. Info e registrazioni entro il 25/9: https://laviadelsake.it/corsi/milano-1-ottobre-2017-corso-base-la-via-del-sake-wset-conoscere-il-sake/

[10:00 – 11:30] – MASTERCLASS –  “Nambu Toji: la scuola del sake di IWATE.”
Conduce il corso Marco Massarotto, Sake PR advisor della prefettura di IWATE e Sake Samurai 2016. Masterclass e degustazione gratuita dei sake di tre produttori presenti in aula offerta dalla Prefettura di Iwate – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso


[12:00 – 19:00]
SAKE SHOP. Scopri e acquista i migliori sake del Giappone. 

[12:00 – 12:45] – GUIDED TASTING  –  “Sake e cibo: guida all’abbinamento”
Conduce il corso Giovanna Coen, WSET® Level 3 e delegate regionale de La Via del Sake. Costo € 20 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[13:00- 13:45 Sala Tasting] –  GUIDED TASTING -“Carne e sake.”
Degustazione in collaborazione con Consorzio del Prosciutto di Parma e Wagyu Company
Conduce il corso Lorenzo Ferraboschi di WAGYU COMPANY E SAKE COMPANY
Costo € 20 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso


[14:00 – 14:45 Sala Tasting]  – GUIDED TASTING -“Formaggi e sake”
Conduce il corso Marco Massarotto, SAKE SAMURAI 2016
Costo € 20 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[15:00 – 15:45] – GUIDED TASTING – “NIKKA WHISKY”
Conduce la masterclass Marco Callegari, Brand manager Nikka Whisky Italia. Fondata da Masataka Taketsuru, il padre fondatore del whisky giapponese, Nikka Whisky è uno dei più celebri e storici brand di whisky giapponese. Immergetevi nell’affascinante storia d’amore di Rita e Taketsuru, delle distillerie Miyagikyo e Yoichi e degli imbottigliamenti che hanno portato il whisky giapponese ad essere uno dei più amati e apprezzati dai whisky lovers di tutto il mondo.
Degustazione gratuita offerta da NIKKA WHISKY – Massimo 30 posti.

eventbrite prenota adesso

 

[16:00 – 16:45] – MASTERCLASS – “I WHISKY GIAPPONESI”
Conduce il corso Alessandro Coggi, japanese whisky expert e Marco Callegari, Brand Manager Velier. Il Giappone produce whisky dal 1920 ma solo dagli anni 2000 gli imbottigliamenti iniziano ad essere conosciuti in Europa. Ed è subito un successo. Premi, riconoscimenti e la nascita di nuove distillerie incoronano ben presto questa nazione come una delle più talentuose produttrici di whisky al mondo. Forse la migliore. Un’esclusiva masterclass sui whisky giapponesi con degustazione di rari ed esclusivi imbottigliamenti che ci porteranno a viaggiare per tutto il Giappone alla scoperta dei terroir del whisky Nipponico.

In degustazione: Nikka from the Barrel – Chichibu Mizunara wr – Mars Maltage Cosmo – Yoichi 10yo single malt – Imbottigliamento a sorpresa
Costo € 35 a persona – Massimo 30 posti.

eventbrite prenota adesso


[17:00 – 17:45] –  MASTERCLASS – “Mixing sake & Shochu: una nuova via per l’aperitivo e i cocktail”
Assaggiamo 3 cocktail a base di sake e shochu e impariamo l’arte di mixare il sake con Gian Nicola Libardi, Sake Maestro 2017.
Costo € 35 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[18:00 – 18:45] – GUIDED TASTING – “I sake invecchiati”
Degustiamo 4 annate di Fukumistuya “Momotose”: 5, 10, 20 e 30 anni di affinamento con 4 speciali abbinamenti a base di paté, formaggi e tartufo.
Costo € 35 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[19:30 Salone centrale  e terrazzo]- COCKTAIL DI CHIUSURA offerto da GEKKEIKAN.

Si parla e ball con  “free sake” e musica. Evento gratuito, sino a riempimento sala.

N.B.: Per chi non fosse associato e non avesse partecipato iscrivendosi all’associazione sabato 30/9 occorrerà effettuare la sola registrazione all’associazione culturale LA VIA DEL SAKE domenica 1/10, il costo della quota annuale per chi non partecipa al Festival è infatti compreso nel costo delle singole degustazioni.

Sake…In…Firenze

Sake artigianali. Nuovi appuntamenti.

Sempre in movimento per raggiungere tutti coloro che ancora non hanno scoperto i nostri sake artigianali!

Sempre in movimento per presentarvi nuovi gusti del sake giapponese e nuovi abbinamenti!

Avrete l’occasione di scoprire alcuni tipici e autentici sake artigianali. E volete sapere che cosa c’è di speciale in questi incontri?… Sake come questi non li avete mai provati e sarà subito Amore.

Tre appuntamenti per raccontarvi ed assaggiare il sake giapponese.

14/05 Enoteca Luce

17/05 Kawaii – Borgo S.Frediano 8 rosso

25/05 Fusion Bar & Restaurant – Art Gallery Hotel  in God Save the Wine Event.

14/05. Festeggiamo il terzo anniversario dell’Enoteca Luce!

Domenica 14 Maggio. Ore 19.00. Aperitivo con ricco buffet italo-giapponese. Enoteca Luce – Ramen Girl. Viale Talenti 144.  10 euro.

3anni-festeggiamo-1024x704

17/05. Kawaii. Sake nei calici! Presentazione del sake della Prefettura di Kochi.

Mercoledì 17 Maggio. Ore 19.30. Aperitivo. Kawaii, Borgo S. Frediano 8 rosso. A consumazione.

Scopriremo insieme un Sake originario – appena arrivato! – dalla Prefettura di Kochi, nel Sud del Giappone, famosa per i suoi sake delicati e morbidi, eleganti e con i tipici sentori fruttati.

La produzione della cantina Arimitsu Brewery della Prefettura di Kochi si incentra sull’utilizzo di lieviti che danno ai suoi sake un vellutato sapore di frutta che va dai sentori di banana e melone fino al Lychee e uva fragola. Fantastici per aperitivi estivi e da dessert!

Akitora - Asahi-Junmai-Ginjo-

Akitora Asahi Junmai Ginjo

 

Akitora-Omachi-Jun-Dai-

Akitora Junmai Daiginjo.

25/05.  God Save The Wine! Sake Wrestling!

Giovedì 25 Maggio!

Metteremo in scena un simbolico tenzone tra i nostri esclusivi sake artigianali ed i pregiati vini e champagne presenti in sala, chi ne uscirà vittorioso? A voi l’ardua sentenza!

Bevute e buffet stellati.

E’ (super) consigliata la prenotazione.

Sake Tasting_25Maggio

I nostri sake in degustazione Horaisen Junmai Ginjo Wa  & Hakuryu Junmai Ginjo.

Akitora Junmai, Tokubetsu Junmai Beshi e Sanda Ichi Junmai.

evento_1marzo

Eccoci Qua! La primavera è alle porte e noi ad organizzare il prossimo evento sotto la guida esperta ed attenta di Ramen Girl che, attraverso le sue creazioni, ci porterà per una serata ad affacciarci sul Vero Giappone! Cercheremo di raccontarvi che cos’è il sake artigianale e che cosa sta succedendo intorno al sake giapponese…

E allora vi saranno serviti dei favolosi Maki Sushi (“I nostri maki sono fatti senza pesce crudo e ricchi di verdure” ci garantisce Emilio, il proprietario dell’Enoteca Luce), dei prodigiosi Gyoza (“Delicati ravioli giapponesi di carne prima cotti alla piastra e poi rifiniti al Vapore, tutti fatti a mano !” ) e per finire Tori no Kuwaki (“I migliori bocconcini di Pollo in salsa di soia e Sakè che possiate gustare” ) e l’immancabile dolce Mactha cake accompagnato con uno strabiliante quanto elegante….no, questo non ve lo dico…avete a’ esserci!

35 euro, Prenotazione obbligatoria. Tel.055 5120437  oppure 331 9461149.

HARD ROCK & SAKE

Giovedì 23 febbraio, il sake approda all’Hard Rock Cafè di Firenze.

Il sake giapponese rappresenta una alternativa. Avere una alternativa è, da sempre, sintomo e manifestazione di libertà. Il rock lo è nella musica. Il sake artigianale nelle tradizioni del bere. Il sake artigianale è fatto di momenti quotidiani e di lavorazioni che non permettono un attimo di respiro. La produzione di sake artigianale segue una ritmica armonica continua. La natura attraverso la fermentazione deve seguire il suo corso, non si può fermare!

Cantinayari1960

Tomita Shuzo inc.

La cantina che presenteremo è la TOMITA SHUZO INC. che da più di duecento anni produce sake nel centro del Giappone sulle rive del Lago Biwa nella Prefettura di Shiga. Ad oggi, la cantina si regge sulle spalle di un giovane proprietario, Tomita, e dei suoi, coetanei, sei operai che lavorano sotto la guida esperta del Toji. Da qui prende vita il loro simbolo sette lance che si incrociano quasi a sottolineare che l’unione fa la forza.

Schichihonyaribn30

Trovare in pieno inverno sette ragazzi che scelgono di svegliarsi la mattina alle quattro o addirittura di non dormire per rimanere a produrre il sake in queste notti fredde e gelide significa trovare dei rivoluzionari. Sette ragazzi, sette samurai che si ritrovano nella cantina a lavorare nella penombra per seguire i momenti della fermentazione: questo vuol dire toccare con mano la forza rock del lavoro. Come un tuono che rompe gli schemi. Ragazzi che rinunciano al richiamo delle metropoli come Tokyo o Osaka per scegliere, attenzione, ho detto scegliere, di vivere il sake…bè non è da tutti… Il loro sake in effetti riporta in vita ideali di gusto tradizionali che ben accompagnano i pensieri moderni di rottura con il mondo.

Siamo alla presenza di un sake artigianale ricco di umami che ben accompagna cibi dal sapore di barbecue siano carni, verdure o piatti saporiti in genere.

L’alternativa è sempre una scelta. La birra, il vino… ed il sake giapponese.. Oggi chi è più rock di chi dedica una vita alle tradizioni?

DOVE: HARD ROCK CAFE’

QUANDO: GIOVEDI’ 23 FEBBRAIO dalle ORE 19.30.