Pint of…Sake?

 

Firenzesake_selezione_2017-2-1

Perché non bere Sakè durante la Florence Cocktail Week che approda a Firenze dal 30 aprile al 6 Maggio? Non è forse un evento con una elevata proposta di respiro internazionale che spazia dalla presentazione di prodotti esteri e nostrani con Master class ed eventi gratuiti  per arrivare alla degustazione dei cocktail in gara?

E allora…

Perché non presentare il Sakè in un locale nuovo e casual della nightlife fiorentina, il Pint of View, dove si servono favolose birre artigianali ed ispirate creazioni di mixology?

E ancora.

Esiste un gusto del sakè o più gusti dei sakè? Esistono sakè diversi? Da che cosa dipende? Può il sake essere servito freddo? Oppure solo caldo? Nei calici? Oppure soltanto nei classici e caratteristici bicchierini in ceramica?

Noi ve ne presenteremo diversi e tutti di Kyoto.

E’ possibile che il sakè giapponese si possa abbinare con pietanze coreane? Può il sakè reggere l’abbinamento con pietanze diverse da quelle giapponesi? E’ il sakè un digestivo o una bevanda a tutto pasto?

Chi è un kurabito? Che ci fa in Giappone un fiorentino da oltre dieci anni? Chi è G. M.?

Volete scoprire qualcosa di più?

Venite il 3 maggio.

Menu completo: quattro portate e dolce, accompagnati da quattro sake al calice.

PINT OF VIEW
Borgo Tegolaio 17 rosso. Evento a pagamento su prenotazione 055288944.

Firenzesake_selezione_2017-2-1

Takeno Brewery

Takeno Logo 2017

Takeno Brewery

Joyo Junmai e Tokubetsu Junmai

Joyo Shuzo Co. Ltd.

Firenzesake_selezione_2017-2-1

 

BARMAN & SAKE COCKTAIL.

Foto 20-12-16, 16 33 40

YUJO by Sacha Mecocci.

Riceviamo e volentieri proponiamo qui la recensione di uno dei più esperti, giovani, entusiasti Barman di Firenze, Sacha Mecocci – Cafè de Paris – che ha accettato di cimentarsi in una prova creativa con il sake. Sì perché cimentarsi con il sake è diventato sempre di più una prova di abilità e di creatività. Il sake solleva, per così dire, questioni delicate in ogni cocktails in cui viene miscelato.

Non è un segreto che la delicatezza che caratterizza questo fermentato giapponese possa rischiare di essere sopraffatta nella miscelazione dai forti sapori ed aromi degli altri ingredienti, lasciando il sake solo nella lista degli ingredienti del menu e relegandolo a mera suggestione di estremo oriente. Questo è il punto cruciale dei cocktails con il sake: riuscire a creare un equilibrio tra le sfumature eleganti, le note fruttate o di riso (dipende dal tipo di sake), con gli altri ingredienti in miscelazione. Equilibrio più che contrapposizione tra le diverse componenti di un cocktail perché nella natura del sake esiste l’ordine non la crisi.

E che dire dei Ginjo?  Nel morbido assaporar dei ginjo esiste una eleganza che esalta, come in una narrativa cristallina con gli altri elementi miscelati, una primaverile freschezza floreale  ed un raffinato fruttato. Creare un equilibrio che preservi queste delicatezze è il compito più difficile attraverso il quale passa il rispetto nei confronti di un fermentato, il sake, che da poco si è affacciato nel mondo della miscelazione.

 

YUJO by Sacha Mecocci

Dunque, quella che segue sono annotazioni tratte da una degustazione dell’Iwase Jumai Daiginjo della Prefettura di Toyama. Come consigliato, in un primo assaggio non ho provato il prodotto a temperatura ambiente, solo freddo.

Temperatura 4°circa

A naso la ricchezza di profumi colpisce subito. Si avvertono bene i sentori di riso accompagnati da una gradevole nota floreale. Assaggiandolo si avverte subito la buona corposità che riesce a far si che questo sakè avvolga la bocca con morbidezza.

Al palato si sentono chiaramente il riso ed i lieviti. I sapori escono chiaramente lasciando un gradevole retrogusto delicato quasi vanigliato. La giusta acidità lascia pulito il palato ed i 16 gradi alcolici non si avvertono.

Nel complesso un sakè che mi ha ricordato molto alcuni vini bianchi a cui siamo abituati. La corposità decisa e le note fruttate fanno si che questo sakè goda di una persistenza molto lunga ed invita sicuramente ad un altro sorso.

Miscelazione

Chiaramente, come ho già fatto altre volte, non ho potuto rinunciare a sottoporre anche questo sake alla prova di miscelazione!

Date le caratteristiche di corposità e presenza dei profumi, ho deciso di miscelare questo Junmai Daiginjo con del jenever invecchiato 12 anni e del calvados. Durante la degustazione del prodotto liscio, ho pensato a questi due prodotti…

Assaggiando i singoli prodotti ho pensato: cosa accadrebbe se li servissi caldi?

Detto – fatto!

Nasce il “Yujo” (amicizia)

La ricetta si compone di:

50ml Junmai Daiginjo

15ml Oud Graanjenever 12 jaar oud

20ml Fine Calvados

Gli ingredienti vengono miscelati senza ghiaccio, riscaldati a bagno maria e diluiti con 50ml di acqua.

Appena caldi, vengono versati in una teiera. La miscela potrà essere aromatizzata a piacimento con fiori o spezie. Ho provato con della malva ed ho ottenuto un gradevole risultato.

Il drink verrà servito in tradizionali tazze da tè giapponesi.

Foto 20-12-16, 16 35 06 (1)

YUJO by Sacha Mecocci.

Sake utilizzato: IWASE JUNMAI DAIGINJO.

Il Sake Artigianale alla Biennale Enogastronomica di Firenze. 14Novembre e 19-20 Novembre.

 

lunedi14-novembreSe è vero, come è vero, che poter bere sake artigianali in Italia rappresenti una occasione rara, è altrettanto vero che per poter apprezzare al meglio i sake artigianali che importiamo stiamo cercando di offrirvi delle occasioni speciali. E’ in quest’ottica che si sono svolti gli ultimi eventi che abbiamo portato in terra Toscana e supportato in quella laziale. In un’ottica, cioè, di condivisione e promozione del sake giapponese e del suo essere partecipe dello spirito della tradizione giapponese ed espressione di qualità e delicatezze artigianali, queste sconosciute, o ancora poco conosciute, in Italia.

risaia5646

In questi giorni si è aperta a Firenze la Biennale enogastronomica che ospiterà in due occasioni distinte la qualità dei sake artigianali. La prima sarà Lunedì 14 novembre dove dalle 19 sarà possibile degustare una selezione di sake provenienti da due delle nostre cantine.

La Tomita shuzo  è una cantina delle prefettura di Shiga, nel centro del Giappone sulle rive del Lago Biwa, attiva dalla fine dell’Ottocento produce un Junmai Gino ed un Junmai dai sapori complessi e secchi, corposi e delicati, che ben si abbinano con pietanze nostrane.

La Yoshida shuzo, fondata nel 1806, presenterà due sake molto diversi tra loro quasi a ricordare che più che di gusto del sake, si dovrebbe parlare di “gusti del sake”. E allora con l’etichetta che riporta il simbolo di un drago bianco avremo un Tokubetsu Junmai, più secco e terreno, ed un Junmai Ginjo, più morbido ed etereo.

lunedi14-novembre

Ed ecco che in una sorta di Matrioska, di occasione nell’occasione, Lunedì 14 novembre dalle 19.00, sarà possibile di gustare i nostri sake in purezza al nostro stand oppure nelle mirabolanti ed eleganti creazioni dei migliori bartender fiorentini.

La successiva occasione sarà il 19 e 20 Novembre, all’interno del Florence Wine Event. La Biennale ospiterà due produttori venuti appositamente dal Giappone per presentarci i loro sake. Si tratta in questo caso della Mikunihare Shuzo storica cantina di Toyama, piccola realtà forte di una lunga tradizione, e della Sakeya Brewery  che dalla fine dell’Ottocento si prodiga di perfezionare l’arte del sake giapponese con prodotti conosciuti in tutto il mondo.

 

Secondo Appuntamento della Settimana In….Sake!

Che cos’è il sake?

Cosa mi hanno fatto bere finora spacciandolo per sake?

Il sake va bevuto caldo….anzi no, freddo…oppure no?

Il sake è troppo forte..è un distillato….credo…vero?..si può sapere quanti gradi ha?…

Insomma si può sapere cosa diavolo è questo sake?

Ebbene sì siamo alle porte coi sassi rispetto al primo appuntamento che ci vedrà presenti Sabato 22 ottobre dalle 17.30 all’Enoteca Alessi dove passeremo in rassegna i sake della Arimitsu Brewery di Kochi in compagnia del produttore venuto appositamente per presentarvi il lavoro che da alcune…generazioni sta portando avanti con dedizione nel rispetto di qualità e tradizione.

 

Ed insaziabili continuiamo ad organizzare eventi sul sake nel centro storico fiorentino…

COCKTAILS IN SAKE: Abbiamo infatti in cantiere un altro prossimo evento aperto al pubblico in cui fare incontrare il sake con il mondo della mixology…grazie al contributo determinante dello SHAKER CLUB…..the location is secret….very very secret….la partecipazione è gradita….info@firenzesake.com…….

Il Nihonshu @Rivalta Cafe 2016

crivellin fine

@RIVALTA CAFE

Con questa seconda tappa, il connubio tra nihonshu, Rivalta Cafe e Shaker Club sembra andarsi a consolidare grazie alla sensibilità ed alla lungimiranza di una gestione pronta a confrontarsi con nuove (seppur millenaria, in questo caso) culture del bere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ed ecco allora che lo Shaker Club  si è prodigato non solo a realizzare questo evento – unico in Firenze ed in Toscana – ma ha anche contribuito, con i suoi rappresentanti presenti all’evento, a completarne il contenuto con la presentazione di alcuni coktails a base di sake.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’evento è stato completato dall’intervento della chef internazionale Saeko Okada che ha curato gli abbinamenti con i due sake con cui siamo andati in degustazione: Mesui no Kura Tokubetsu Junmai e Maboroshi no Taki Junmai Ginjo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ stato chiaro fin da subito che non si poteva andare a presentare in tutta la sua complessità e profondità la cultura millenaria del sake. Ed allora, diciamo, che ci siamo limitati a disegnare un quadro che ritraesse il sake nella sua tradizione ed attualità. Come si produce il sake giapponese? Qual’è il lavoro che stiamo sviluppando con Firenzesake? Che cosa sta succedendo intorno al nihonshu nel mondo ed in Europa? E ancora: qual’è il gusto del sake? e quali sono i possibili abbinamenti?

Qui una selezione di fotografie di Marco Triarico e Marco Crivellin che hanno seguito con noi l’evento con la consueta eccezionale professionalità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Florence Cocktail Week 2016: il Contest

Di ritorno dal contest finale della prima edizione del Florence Cocktail Week 2016 rimane l’entusiasmo e la professionalità di questi artisti. E’ chiaro che quando un nostro sake è stato scelto per comporre un cocktail presente al contest, il minimo che potevamo fare era “registrare” tutto quello che stava succedendo tutt’intorno. E’ il modo migliore che abbiamo trovato per poter condividere, anche a distanza di tempo, le emozioni scaturite dal contest e l’eccellente qualità raggiunta dalla performance dei bartender in una manifestazione che, speriamo, si ripeta l’anno prossimo.

Ora vogliamo raccontarvi come è trascorsa la serata attraverso la narrazione degli scatti dei fotografi della Scuola Internazionale di Fotografia APAB. Iniziamo con quelle del fotografo Giulio Garosi, per proseguire con le foto-opere degli altri fotografi presenti: Marco Crivellin, Antonella Cardillo e Miriam De Girolamo. Tutti hanno voluto documentare l’intero avvenimento dandone una loro personale interpretazione.

Particolare4353

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Luca Manni4385

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Robert Pavel4508

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Christian Pampo4426

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Thomas Martini4496

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Daniele Cancellara4578

PHOTO BY GIULIO GAROSI

Daniele Cancellara4566

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Matteo Di Ienno4600

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

particolare4614

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Manuel Petretto4671

PHOTO BY GIULIO GAROSI.

La Giuria4451

La Giuria. PHOTO BY GIULIO GAROSI.

Riceviamo e volentieri ospitiamo una libera selezione delle foto del docente della Scuola Internazionale di Fotografia APAB, Marco Crivellin, e cogliamo l’occasione per ringraziarlo per la sua inestimabile presenza e per il continuo supporto nel testimoniare la diffusione della cultura del sake giapponese in Italia.

DSC_2540

La Giuria. PHOTO BY MARCO CRIVELLIN.

DSC_2547

PHOTO BY MARCO CRIVELLIN.

DSC_2559

PHOTO BY MARCO CRIVELLIN.

DSC_2543

PHOTO BY MARCO CRIVELLIN.

DSC_2572

PHOTO BY MARCO CRIVELLIN.

DSC_2685

AKITORA JUNMAI GINJO. COCKTAIL HASU ORENJI. PHOTO BY MARCO CRIVELLIN.

Florence cocktail week, 17.04.2016

AKITORA JUNMAI GINJO. PHOTO BY ANTONELLA CARDILLO.

Florence cocktail week, 17.04.2016

AKITORA JUNMAI GINJO. PHOTO BY ANTONELLA CARDILLO.

Florence cocktail week, 17.04.2016

AKITORA JUNMAI GINJO.  PHOTO BY ANTONELLA CARDILLO.

Miriam de girolamo0109

PHOTO BY MIRIAM DE GIROLAMO

Miriam de girolamo0073

PHOTO BY MIRIAM DE GIROLAMO

Miriam de girolamo0019

PHOTO BY MIRIAM DE GIROLAMO

Miriam Di girolam0128

PHOTO BY MIRIAM DE GIROLAMO

 

“HASU ORENJI” OVVERO IL SAKE DI KOCHI AL FLORENCE COCKTAIL WEEK

DSC_5251

Akitora Junmai Ginjo

Akitora, il sake che importiamo dalla prefettura di Kochi, sarà presente al Florence Cocktail Week nel nuovo cocktail dal nome floreale creato per questa occasione: lo HASU ORENJI.

HASU

Hasu

Daniele Cancellara, esperto mixologist del O’ CAFE’ del Golden View Open Bar, dopo una attenta e rigorosa selezione, ha scelto il nostro Junmai Ginjo per la creazione di questo cocktail elegante, fine e tutt’altro che convenzionale. In una parola: is-pi-ra-to!

NA2A3109

Hasu Orenji.

Daniele Cancellara si è appassionato al sake giapponese tanto da lasciarsi sedurre fino a raccontare, nel suo HASU ORENJI, un connubio tra due stati distanti, entrambi del sud: New Orleans e Kochi. Qui sotto riportiamo la presentazione ufficiale tratta dal programma della manifestazione:

“L’ispirazione per questo cocktail nasce da un contrasto, da due luoghi apparentemente inconciliabili: New Orleans con la sua tipica atmosfera di libertà e il suo cocktail simbolo, il Sazerac, ed i suoi due principali ingredienti Rye Whiskey e Peychaud’s bitter; il Giappone con la sua profonda spiritualità, il Sake e i fiori, elementi ricorrenti nella cultura del Sol Levante. Un connubio atipico, ispirato alla poetica “pop” che possiamo trovare nel cinema e nel fumetto.”

DSC_5394

Akitora Junmai Ginjo

Il nostro Akitora Junmai Ginjo è stato selezionato in quanto Cancellara era alla ricerca di un sake che avesse una maggiore texture rispetto ai Junmai Ginjo che si trovano in giro e riportasse a sentori fruttati e floreali tali da creare un equilibrio solido nella miscelazione. L’Akitora ben si innesta con un supporto silente, quasi fosse un ninja, nella struttura del cocktail ammorbidendo senza cedere o eccedere. Come in un castello giapponese il giardino segreto.

NA2A3055

Il Barman Daniele Cancellara mentre compone l’Hasu Orenji.

L’Hasu Orenji merita attenzione anche nei momenti della preparazione. Si procede prima all’affumicatura alla lavanda del bicchiere; alla scrupolosa posa delle gocce di Bitter ai fiori Homemade e di Peychaud’s Bitter; ed infine si effettua un breve Mix e Strain. Sembra di assistere alle mosse di un Direttore che con decisione costruisce la sua orchestra di cui ha una visione chiara e distinta.

NA2A3059

Un momento della preparazione dell’Hasu Orenji.

NA2A3067

Un momento della preparazione dell’Hasu Orenji.

Il risultato è stato un cocktail che ha in sé un’anima sinfonica e narrativa. Severa ed equilibrata, asciutta e generosa, mai pomposa o barocca. Quando assaggi l’Hasu Orenji  sembra di avere a che fare con un libro dove ogni pagina, ogni sorso, contiene e ti racconta esperienze di gusto ordinate e scritte partendo da una esperienza di vita. L’Hasu Orenji non è certo un cocktail da neofiti. Pretende e – verrebbe voglia di dire – giustamente pretende la sua pausa o nota meditativa. Insomma, rappresenta un momento della giornata in cui ti devi poter fermare a riflettere. E basta.

florence week

Hasu Orenji.

Sarà possibile apprezzare il cocktail durante tutta la settimana del Florence Cocktail Week (da Lunedì 11 a Domenica 17 aprile) fino al Contest FCW 2016 che si svolgerà l’ultimo giorno al Mercato Centrale dalle 17:00 alle 19:30 e che vedrà contendersi tutti i bartender partecipanti con le loro creazioni.