20 NOVEMBRE. CORSO “CONOSCERE IL SAKE” CON CERTIFICATO INTERNAZIONALE WSET.

Lunedì 20 Novembre si svolgerà a Firenze il primo corso organizzato dalla Via del Sake. Il corso intende dare gli strumenti per potersi orientare nel mondo del sake giapponese ed approfondire le conoscenze sulle fasi della produzione e sui diversi tipi di sake.

Tutti coloro che supereranno l’esame, riceveranno il certificato Level 1 Award in Sake del WSET.

 

Qui trovate tutte le informazioni necessarie per iscriversi.

.GRAZIE.

Presentazione della Selezione 2017 dei sake artigianali importati da Firenze Sake presso il Circolo Culturale Teatro del Sale. Con la partecipazione del critico e giornalista enogastronomico Aldo Fiordelli ed il supporto tecnico-logistico-culturale di Fabio Picchi. Momenti di mecenatismo a Firenze.

NA2A3353

NA2A3594NA2A3388NA2A3415NA2A3460NA2A3588NA2A3613

 

FirenzeSake al Milano Sake Festival 2017

firenzesakeMilano Sake Festival 2017

Ci siamo!

Ad una settimana esatta dal Milano Sake Festival dove saremo presenti con una selezione dei nostri sake. Quest’anno assaggerete e, se vi piaceranno, potrete subito acquistare da noi le prelibate bottiglie oppure no? Fate vobis, tempus fugit!

La formula di quest’anno del Festival prevede un Sabato immerso nelle degustazioni ed una Domenica di immersione nelle lezioni con elevato contenuto di qualità. Si va dal Corso di Primo Livello del WSET dove acquisire gli strumenti per orientarsi nell’affascinante mondo del sake (conviene iscriversi prima per ricevere il materiale didattico per prepararsi) al food pairing con il Sake, per continuare con la degustazione dei sake della Prefettura di Iwate ed arrivare alla carne Wagyu.

Insomma non ci sarà da perdere tempo, anzi non perdete tempo..iscrivetevi!

 

 

Screen Shot 2017-09-16 at 11.43.20

(Cascina Cuccagna 1° Piano)

MILANO SAKE FESTIVAL – (Dalle 14:00 alle 24:00)
Dalle 14:00 al primo piano di Cascina Cuccagna troverete in esposizione e degustazione centinaia di etichette di sake, shochu e whiskey giapponesi da assaggiare e acquistare. Dalle 19:00 apre la terrazza col sushi bar e le creazioni di Bento e i dolci di MACHA e proseguono le degustazioni ai tavoli per una lunga “sake night”.

Ingresso, con incluse cinque consumazioni e un omaggio, previo pagamento quota associativa 2017 (€ 15) all’Associazione La Via del Sake*.

Chi è già in regola con la quota 2017 entra senza pagare, gli altri possono associarsi il giorno dell’evento portando un documento di identità valido. Per associarsi seguire questo link. I non associati possono aderire all’associazione il giorno stesso del festival presentandosi sabato 30 settembre con un documento e il costo della quota.

Screen Shot 2017-09-16 at 11.43.32

(Cascina Cuccagna 1° Piano)

[09.00 – 18:00] CORSO BASE SUL SAKE con certificato @WSET Level 1 
Conduce il corso Giovanni Baldini, diplomato WSET® Level 3, managing director di Firenze Sake e certified educator. Sake offerto da FOODEX/TAKARA.
€ 160 a persona. Info e registrazioni entro il 25/9: https://laviadelsake.it/corsi/milano-1-ottobre-2017-corso-base-la-via-del-sake-wset-conoscere-il-sake/

[10:00 – 11:30] – MASTERCLASS –  “Nambu Toji: la scuola del sake di IWATE.”
Conduce il corso Marco Massarotto, Sake PR advisor della prefettura di IWATE e Sake Samurai 2016. Masterclass e degustazione gratuita dei sake di tre produttori presenti in aula offerta dalla Prefettura di Iwate – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso


[12:00 – 19:00]
SAKE SHOP. Scopri e acquista i migliori sake del Giappone. 

[12:00 – 12:45] – GUIDED TASTING  –  “Sake e cibo: guida all’abbinamento”
Conduce il corso Giovanna Coen, WSET® Level 3 e delegate regionale de La Via del Sake. Costo € 20 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[13:00- 13:45 Sala Tasting] –  GUIDED TASTING -“Carne e sake.”
Degustazione in collaborazione con Consorzio del Prosciutto di Parma e Wagyu Company
Conduce il corso Lorenzo Ferraboschi di WAGYU COMPANY E SAKE COMPANY
Costo € 20 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso


[14:00 – 14:45 Sala Tasting]  – GUIDED TASTING -“Formaggi e sake”
Conduce il corso Marco Massarotto, SAKE SAMURAI 2016
Costo € 20 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[15:00 – 15:45] – GUIDED TASTING – “NIKKA WHISKY”
Conduce la masterclass Marco Callegari, Brand manager Nikka Whisky Italia. Fondata da Masataka Taketsuru, il padre fondatore del whisky giapponese, Nikka Whisky è uno dei più celebri e storici brand di whisky giapponese. Immergetevi nell’affascinante storia d’amore di Rita e Taketsuru, delle distillerie Miyagikyo e Yoichi e degli imbottigliamenti che hanno portato il whisky giapponese ad essere uno dei più amati e apprezzati dai whisky lovers di tutto il mondo.
Degustazione gratuita offerta da NIKKA WHISKY – Massimo 30 posti.

eventbrite prenota adesso

 

[16:00 – 16:45] – MASTERCLASS – “I WHISKY GIAPPONESI”
Conduce il corso Alessandro Coggi, japanese whisky expert e Marco Callegari, Brand Manager Velier. Il Giappone produce whisky dal 1920 ma solo dagli anni 2000 gli imbottigliamenti iniziano ad essere conosciuti in Europa. Ed è subito un successo. Premi, riconoscimenti e la nascita di nuove distillerie incoronano ben presto questa nazione come una delle più talentuose produttrici di whisky al mondo. Forse la migliore. Un’esclusiva masterclass sui whisky giapponesi con degustazione di rari ed esclusivi imbottigliamenti che ci porteranno a viaggiare per tutto il Giappone alla scoperta dei terroir del whisky Nipponico.

In degustazione: Nikka from the Barrel – Chichibu Mizunara wr – Mars Maltage Cosmo – Yoichi 10yo single malt – Imbottigliamento a sorpresa
Costo € 35 a persona – Massimo 30 posti.

eventbrite prenota adesso


[17:00 – 17:45] –  MASTERCLASS – “Mixing sake & Shochu: una nuova via per l’aperitivo e i cocktail”
Assaggiamo 3 cocktail a base di sake e shochu e impariamo l’arte di mixare il sake con Gian Nicola Libardi, Sake Maestro 2017.
Costo € 35 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[18:00 – 18:45] – GUIDED TASTING – “I sake invecchiati”
Degustiamo 4 annate di Fukumistuya “Momotose”: 5, 10, 20 e 30 anni di affinamento con 4 speciali abbinamenti a base di paté, formaggi e tartufo.
Costo € 35 a persona – Massimo 25 posti.

eventbrite prenota adesso

[19:30 Salone centrale  e terrazzo]- COCKTAIL DI CHIUSURA offerto da GEKKEIKAN.

Si parla e ball con  “free sake” e musica. Evento gratuito, sino a riempimento sala.

N.B.: Per chi non fosse associato e non avesse partecipato iscrivendosi all’associazione sabato 30/9 occorrerà effettuare la sola registrazione all’associazione culturale LA VIA DEL SAKE domenica 1/10, il costo della quota annuale per chi non partecipa al Festival è infatti compreso nel costo delle singole degustazioni.

La notte del 20 Luglio ore 20. Sopra i tetti di Firenze.

Cosa ci aspetta il 20 Luglio?

Champagne, vini e…Sake giapponesi, solo da piccole cantine ed importati in esclusiva.

Quali sake? 

Yoshida Shuzo, una cantina della Prefettura di Fukui.

Yoshida è il nome della cantina. Hakuryu – con la “h” aspirata – il nome commerciale del suo sake. Il Drago Bianco è l’emblema che veleggia sulle bottiglie. Fondata nel 1792 rimane da allora il punto di riferimento per la produzione locale sia del riso che del sake da cui si produce. Un riso solo per il sake.

“Un sake di corpo…noi vogliamo che il nostro sake sia riconoscibile e ritrovi il suo tratto caratteristico nell’essere corposo” con queste parole la proprietaria che guida la cantina mi presentava il frutto del lavoro dei suoi dieci operai.

“Da tre secoli produciamo un sake che ha un’anima forte non nei gradi alcolici quanto nei sapori, un sake corposo e che imprime un ricordo…nessun compromesso, solo un’idea: la neve che si scioglie imprime una forza al fiume che scende dalla montagna. Il riso che coltiviamo trae forza da questa terra. Questa unione compone il nostro sake da più di duecento anni”.

Tomita Brewery, dal centro del Giappone la nostra cantina più antica.

schichihonyari-2

Tomita Brewery

Fondata nel 1542, la potete trovare in alcuni dei migliori ristoranti di Firenze. I suoi sake non aspettano altro che combinarsi con i piatti nostrani. Dolci, carne o pesce arrosto… a voi la scelta!

Sette giovani capitanati da un Toji che di esperienza ne ha e la dimostra in ogni momento sono il risultato di una scelta di vita: fare il sake come si faceva una volta. Non è una cantina, è una macchina nel tempo.

Vi aspettiamo Giovedì 20 Luglio alla Terrazza Brunelleschi (Hotel Baglioni) per una “spensierata” parlando del sake artigianale e delle sue evoluzioni…le domande saranno bene accette!

 

schichihonyaribn30

Tomita Brewery. Logo.

 

Print

Sopra i tetti rossi di Firenze. Sake Tasting.

Print

Nuovo appuntamento e nuova opportunità per poter assaggiare i nostri sake artigianali.

Se siete ristoratori, cuochi stellati o genuini amanti del sake giapponese, non vi resta che partecipare alla serata organizzata in cima all’Hotel Baglioni sopra i tetti rossi di Firenze.

Una bevanda rinfrescante per l’estate 2017?

Il sakè di qualità Ginjo (con la G dura di Ganzo) promette di far furore. Dal sapore fruttato e morbida texture accontenta sia chi si è stancato dei “soliti” sia chi sta ricercando una bevanda più raffinata di cui innamorarsi. Il Ginjo servito nei calici da vino permette di apprezzarne anche la dolce e fruttata parte aromatica..d’altronde, anche il naso vuole la sua parte del resto. Il Ginjo leggermente fresco o anche freddo è una scoperta che dura per tutta la bevuta. E del sakè parlerete, nel bene e nel male, finché nel vostro bicchiere non ne sarà rimasto che il ricordo. Questa è la magia dell’estate in…sake!

mesui-no-kura

Per chi ama avventurarsi, potremo andare oltre e suggerire alcuni semplici cocktails, come il Sake Highball ed il Sake Tonic, che con la sola aggiunta di soda oppure acqua tonica potrebbero essere la sorpresa per freschi aperitivi per creare l’occasione per parlare di viaggi futuri, magari verso il Giappone.

schichihonyaribn30

Tomita Brewery. Logo.

L’abbinamento estivo per un sake Ginjo? In Italia il sake gioca fuori casa con la disinvoltura di una testa di serie: piace vincere facile. E allora? Et voila’ : spaghetti alla bottarga piuttosto che allo scoglio, baccalà mantecato o fritto, salmone, caprese e formaggi freschi, cozze e molluschi, sono solo alcuni dei piatti che potremo abbinare al nostro Ginjo.

JunmaiGinjo Yoshida

Hakuryu Junmai Ginjo

Logo Yoshida

Nella serata proporremo un tasting di due sake. Un Junnmai Ginjo della Prefettura di Fukui dalla cantina Yoshida Shuzo con la bottiglia blue spirit e sulla cui etichetta veleggia stilizzato un Drago Bianco. Ed un Junmai Ginjo della Tomita Brewery dalla Prefettura di Shiga, cantina fondata nel 1542 e che è, ad oggi, la quinta cantina più antica del Giappone. Due prodotti uguali nel genere – sono tutte e due Junmai Ginjo – molto diversi nei sapori in quanto fermentati di tipi diversi di riso eppure con un loro comune denominatore nel corpo: sinuoso ed elegante da abbinare con il cibo.

Kanpai!

3868_finaleshichihonyari-junmai

Sake…In…Firenze

Sake artigianali. Nuovi appuntamenti.

Sempre in movimento per raggiungere tutti coloro che ancora non hanno scoperto i nostri sake artigianali!

Sempre in movimento per presentarvi nuovi gusti del sake giapponese e nuovi abbinamenti!

Avrete l’occasione di scoprire alcuni tipici e autentici sake artigianali. E volete sapere che cosa c’è di speciale in questi incontri?… Sake come questi non li avete mai provati e sarà subito Amore.

Tre appuntamenti per raccontarvi ed assaggiare il sake giapponese.

14/05 Enoteca Luce

17/05 Kawaii – Borgo S.Frediano 8 rosso

25/05 Fusion Bar & Restaurant – Art Gallery Hotel  in God Save the Wine Event.

14/05. Festeggiamo il terzo anniversario dell’Enoteca Luce!

Domenica 14 Maggio. Ore 19.00. Aperitivo con ricco buffet italo-giapponese. Enoteca Luce – Ramen Girl. Viale Talenti 144.  10 euro.

3anni-festeggiamo-1024x704

17/05. Kawaii. Sake nei calici! Presentazione del sake della Prefettura di Kochi.

Mercoledì 17 Maggio. Ore 19.30. Aperitivo. Kawaii, Borgo S. Frediano 8 rosso. A consumazione.

Scopriremo insieme un Sake originario – appena arrivato! – dalla Prefettura di Kochi, nel Sud del Giappone, famosa per i suoi sake delicati e morbidi, eleganti e con i tipici sentori fruttati.

La produzione della cantina Arimitsu Brewery della Prefettura di Kochi si incentra sull’utilizzo di lieviti che danno ai suoi sake un vellutato sapore di frutta che va dai sentori di banana e melone fino al Lychee e uva fragola. Fantastici per aperitivi estivi e da dessert!

Akitora - Asahi-Junmai-Ginjo-

Akitora Asahi Junmai Ginjo

 

Akitora-Omachi-Jun-Dai-

Akitora Junmai Daiginjo.

25/05.  God Save The Wine! Sake Wrestling!

Giovedì 25 Maggio!

Metteremo in scena un simbolico tenzone tra i nostri esclusivi sake artigianali ed i pregiati vini e champagne presenti in sala, chi ne uscirà vittorioso? A voi l’ardua sentenza!

Bevute e buffet stellati.

E’ (super) consigliata la prenotazione.

Sake Tasting_25Maggio

I nostri sake in degustazione Horaisen Junmai Ginjo Wa  & Hakuryu Junmai Ginjo.

BARMAN & SAKE COCKTAIL.

Foto 20-12-16, 16 33 40

YUJO by Sacha Mecocci.

Riceviamo e volentieri proponiamo qui la recensione di uno dei più esperti, giovani, entusiasti Barman di Firenze, Sacha Mecocci – Cafè de Paris – che ha accettato di cimentarsi in una prova creativa con il sake. Sì perché cimentarsi con il sake è diventato sempre di più una prova di abilità e di creatività. Il sake solleva, per così dire, questioni delicate in ogni cocktails in cui viene miscelato.

Non è un segreto che la delicatezza che caratterizza questo fermentato giapponese possa rischiare di essere sopraffatta nella miscelazione dai forti sapori ed aromi degli altri ingredienti, lasciando il sake solo nella lista degli ingredienti del menu e relegandolo a mera suggestione di estremo oriente. Questo è il punto cruciale dei cocktails con il sake: riuscire a creare un equilibrio tra le sfumature eleganti, le note fruttate o di riso (dipende dal tipo di sake), con gli altri ingredienti in miscelazione. Equilibrio più che contrapposizione tra le diverse componenti di un cocktail perché nella natura del sake esiste l’ordine non la crisi.

E che dire dei Ginjo?  Nel morbido assaporar dei ginjo esiste una eleganza che esalta, come in una narrativa cristallina con gli altri elementi miscelati, una primaverile freschezza floreale  ed un raffinato fruttato. Creare un equilibrio che preservi queste delicatezze è il compito più difficile attraverso il quale passa il rispetto nei confronti di un fermentato, il sake, che da poco si è affacciato nel mondo della miscelazione.

 

YUJO by Sacha Mecocci

Dunque, quella che segue sono annotazioni tratte da una degustazione dell’Iwase Jumai Daiginjo della Prefettura di Toyama. Come consigliato, in un primo assaggio non ho provato il prodotto a temperatura ambiente, solo freddo.

Temperatura 4°circa

A naso la ricchezza di profumi colpisce subito. Si avvertono bene i sentori di riso accompagnati da una gradevole nota floreale. Assaggiandolo si avverte subito la buona corposità che riesce a far si che questo sakè avvolga la bocca con morbidezza.

Al palato si sentono chiaramente il riso ed i lieviti. I sapori escono chiaramente lasciando un gradevole retrogusto delicato quasi vanigliato. La giusta acidità lascia pulito il palato ed i 16 gradi alcolici non si avvertono.

Nel complesso un sakè che mi ha ricordato molto alcuni vini bianchi a cui siamo abituati. La corposità decisa e le note fruttate fanno si che questo sakè goda di una persistenza molto lunga ed invita sicuramente ad un altro sorso.

Miscelazione

Chiaramente, come ho già fatto altre volte, non ho potuto rinunciare a sottoporre anche questo sake alla prova di miscelazione!

Date le caratteristiche di corposità e presenza dei profumi, ho deciso di miscelare questo Junmai Daiginjo con del jenever invecchiato 12 anni e del calvados. Durante la degustazione del prodotto liscio, ho pensato a questi due prodotti…

Assaggiando i singoli prodotti ho pensato: cosa accadrebbe se li servissi caldi?

Detto – fatto!

Nasce il “Yujo” (amicizia)

La ricetta si compone di:

50ml Junmai Daiginjo

15ml Oud Graanjenever 12 jaar oud

20ml Fine Calvados

Gli ingredienti vengono miscelati senza ghiaccio, riscaldati a bagno maria e diluiti con 50ml di acqua.

Appena caldi, vengono versati in una teiera. La miscela potrà essere aromatizzata a piacimento con fiori o spezie. Ho provato con della malva ed ho ottenuto un gradevole risultato.

Il drink verrà servito in tradizionali tazze da tè giapponesi.

Foto 20-12-16, 16 35 06 (1)

YUJO by Sacha Mecocci.

Sake utilizzato: IWASE JUNMAI DAIGINJO.

IL GUSTO DEL SAKE…NAMA!

Come l’anno scorso, anche quest’anno abbiamo intenzioni serie.
Signori e signore stiamo per importare una piccola quantità di sake
NAMA.

Il NAMA sake è un sake non pastorizzato o pastorizzato una sola
volta (invece che due).

Il Nama è uno dei sake più richiesti in Giappone in quanto
mantiene una serie di sfumature e fresche complessità che la doppia
pastorizzazione può evolvere in altre direzioni. Un po’ come il latte fresco
appena munto e quello, appunto, pastorizzato.
Il Nama sake di solito lo potreste assaggiare solo in Giappone oppure
se qualche volenteroso amico (ma di quelli veri!) te ne porta una
bottiglia ed appena sbarca all’aeroporto tu lo vai a prendere, il
sake, non l’amico.

Insomma, un sake che fa venire l’acquolina in bocca e che mantiene
tutte le proprietà di un sake fresco, appena nato. Qui il
produttore aggiunge complessità e segreti tramandati da secoli: il
sake viene pastorizzato in modo leggero una sola volta dopo averlo
fatto maturare per un anno a temperatura controllata tra 0 e 5 °C fino a
prima di essere spedito. Una specialità creata nella Prefettura di
Aichi grazie alle mani esperte del Toji della Sekiya Brewery.

cornice bianca

Houraisen Junmai Ginjo Jukusei Nama Sake Wa

Oppure potremo proporvi un sake altrettanto rarissimo con un nome da maratoneta e per una selezione da estimatori di questa bevanda: Junmai Ginjo Muroka Nama Genshu.

E con questo potremo accontentare solo pochissimi e veloci amatori che alzano la mano, fanno un cenno e…insomma si dichiarano fin da ora!

Junmaiginjo muroka namaGenshu

Maboroshi no taki Junmai Ginjo Muroka Nama Genshu

Come l’anno scorso, anche quest’anno per  evitare di deludere
l’attesa di qualcuno raccogliamo i vostri ordini prima
dell’arrivo delle (poche e rare) bottiglie che ci arriveranno a
fine aprile e che manterremo gelosamente refrigerate per preservarne
la genuinità.

E questa volta…abbiamo anche un’altra sorpresa in serbo…solo per i veri rivoluzionari del gusto del bere tradizionale…

Per gli ordini scrivere a info@firenzesake.com

houraisen022

Houraisen Junmai Ginjo Nama Sake Wa

 

Akitora Junmai, Tokubetsu Junmai Beshi e Sanda Ichi Junmai.

evento_1marzo

Eccoci Qua! La primavera è alle porte e noi ad organizzare il prossimo evento sotto la guida esperta ed attenta di Ramen Girl che, attraverso le sue creazioni, ci porterà per una serata ad affacciarci sul Vero Giappone! Cercheremo di raccontarvi che cos’è il sake artigianale e che cosa sta succedendo intorno al sake giapponese…

E allora vi saranno serviti dei favolosi Maki Sushi (“I nostri maki sono fatti senza pesce crudo e ricchi di verdure” ci garantisce Emilio, il proprietario dell’Enoteca Luce), dei prodigiosi Gyoza (“Delicati ravioli giapponesi di carne prima cotti alla piastra e poi rifiniti al Vapore, tutti fatti a mano !” ) e per finire Tori no Kuwaki (“I migliori bocconcini di Pollo in salsa di soia e Sakè che possiate gustare” ) e l’immancabile dolce Mactha cake accompagnato con uno strabiliante quanto elegante….no, questo non ve lo dico…avete a’ esserci!

35 euro, Prenotazione obbligatoria. Tel.055 5120437  oppure 331 9461149.