SAKE DAY FIRENZE : PRENOTARE E’ COMODO.

Sarà un evento che rispetterà le regole vigenti sul green pass e allora vi chiediamo di seguire alcuni semplici passi che renderanno gli spazi del Renny (Via Baracca 1F) fruibili e la vostra permanenza comoda e confortevole.

Avete due modi messi a disposizione per prenotare il vostro ingresso gratuito: attraverso questo link oppure è sufficiente prenotare un set sul sito www.sakedayfirenze.com 

Fino a giovedì 30 settembre sul sito potete scegliere diversi set preparati poco prima dell’evento con cura dagli chef giapponesi.

Potete prenotare anche un Sake set by Firenzesake   oppure un Sake Dassai Set. Entrambi i set vi permetteranno di avere – a prezzo scontato – sake diversi  per aprirvi la strada verso la conoscenza del fermentato di riso.

Quali saranno i piatti proposti dagli chef giapponesi?

World Sake Day in Florence 2016.

sakeday

Dal 2015 importiamo sake artigianali direttamente dal Giappone.

In realtà, la nostra missione non è solo quella di riuscire a portare una selezione di sake artigianali in Italia.

Noi i sake li andiamo a cercare e scegliere nelle sakagura, nelle cantine dove vengono prodotti.

E vogliamo farveli assaggiare come se li beveste in Giappone, con la stessa qualità, fragranza e freschezza. Questo è il nostro impegno.

Ci prefiggiamo anche un compito altrettanto importante : diffondere la cultura del sake. Quale la storia di questa millenaria bevanda? Come si produce questo frutto della fermentazione del riso? Come e quando si beve questo fermentato?

firenzesake

Primo Sake Day a Firenze: Todo Modo.

E’ in questa mediazione culturale che abbiamo incontrato la sensibilità delle persone che animano la libreria Todo Modo, dove già l’anno scorso eravamo stati ospiti di un primo incontro sul sake giapponese.

Todo Modo è come un porto in cui le idee nuove trovano libero accesso: approdano per poi diffondersi nell’entroterra. Ecco che allora il primo Sake Day a Firenze non poteva che svolgersi in questa cornice naturalmente predisposta ad accogliere nuovi stimoli dal mondo.

All’incontro del 1 ottobre 2016 ha contribuito con le sue sushi-creazioni la chef giapponese nonchè esperta e profonda conoscitrice di vini e di sake che è Mirai Tsuda.

dsc_8019

Il luogo si è arricchito anche delle opere di due artisti fiorentini Mari Yoshida e Giuliano Foglia che hanno proposto un’interessante varietà di bicchieri in argento dove poter apprezzare i sake giapponesi offerti nella serata.

img_5967

L’evento è nato con il supporto e la collaborazione con Sake on the Table e del loro distributore locale Vinoutlet.

Quello che ci accomuna è senz’altro la volontà di farvi conoscere quello che è realmente il sake giapponese con la passione che ci contraddistingue.

dsc_8078

Il sake. I primi passi.

E allora? Alcune pillole su come gestire il sake sono d’obbligo. I famosi primi passi.               Il sake come il vino appena aperto conviene farlo respirare… acclimatare per alcuni minuti…Quindi, quando potrete una bottiglia a quella famosa cena dove vorrete fare bella figura con amici ed amiche, fatelo mettere un attimo in frigo e, sopratutto, apritelo con qualche minuto di anticipo. Il sake è vivo e ben si adatta.

na2a5566

Sake in degustazione: Hakuryu Junmai Ginjo. Il sake con il Drago.

Sake… freddo.

Il sake si serve freddo, o meglio, non solo caldo.

Se vi capiterà di andare in Giappone in un sake bar, vedrete che sarà più facile che il sake vi venga servito ad una temperatura di servizio tra i 5 e gli 8 °C. E per giunta in calici di vetro. Questa è la pratica più diffusa ad oggi.

In realtà, caldi di sake ce ne sono solo alcuni. e sono quelli in cui è lo stesso produttore ad indicare la possibilità di riscaldarli anche fino a 50°C. E questo solo per (r)aggiungere tonalità aromatiche e di gusto altrimenti latenti e poco evidenti. La temperatura di servizio serve per costruire una struttura di gusti creata dalla mente del produttore per offrire il suo miglior sake.

NA2A5615.jpg

Sake in degustazione: Kazuma Chikuha Noto Junmai.

Il sake accompagna il cibo.

Il sake per le sue proprietà accompagna il cibo: bevetelo durante il pranzo, non lo relegate al nobile rango di liquore digestivo. Se non altro perché: in primis il sake non è un liquore – se non si fosse capito – è un fermentato; in secundo, sebbene ci siano alcuni sake pensati per il fine pranzo – mi vengono in mente alcuni sake da dessert, con residui zuccherini -, nella maggior parte dei casi il sake si scopre nei diversi abbinamenti con carni rosse e bianche, pesce, verdure e formaggi in cui sviluppa tutte le sue potenzialità.

Kanpai!

Bene, siccome siamo ancora sulla scia del primo Sake Day che si è svolto a Firenze, lanciamo un messaggio al mondo: lasciatevi conquistare da questa nuova esperienza che è il sake! Allargate gli orizzonti!

Primo Ottobre: Sake Day a Firenze!

 

“Orsù rompiamo gli indugi!

Orsù andiamo a brindare!”

Nel mondo intero si è soliti festeggiare il Sake Day il primo giorno di ottobre fin dal 1978. In Giappone il Sake Day coincide simbolicamente con l’inizio della nuova produzione della storica bevanda fermentata dal riso.

“Simbolicamente” perché in realtà sappiamo che “i nostri” sono già a lavoro da Agosto per organizzare il timing delle diverse fasi della prossima produzione e per tener d’occhio la qualità e la crescita del riso che nelle piantagioni sta ultimando il suo ciclo vitale ed arrivando a maturazione.

“Simbolicamente” perché, così come capita per il vino, a seconda della longitudine, latitudine, esposizione.. insomma a seconda del luogo, varia il momento reale di inizio di produzione: il clima, anzi il microclima, ha la sua predominanza.

E’ dal mese di Settembre che le cantine sono intente a rifare il controllo di tutta l’attrezzatura e degli strumenti che sono gli ingranaggi essenziali dei tempi della produzione. Ed è in questo momento che si mette la massima attenzione alla meticolosa e puntigliosa pulizia di tutti gli ambienti che comporranno nel loro insieme un unico palcoscenico dove si ripeterà anche quest’anno, per un intero semestre, l’opera del sake.

sakeday2016

Il Sake Day viene festeggiato in tutto il mondo come momento per augurare e augurarsi che gli eventi futuri – la nuova produzione e non solo –  vadano ad maiora.

Quale migliore occasione quindi per innalzare ed intonare un fragoroso Kanpai!

E quest’anno anche noi daremo il nostro contributo in collaborazione con Sake on the Table e VINOUTLET.

Sarà l’occasione per incontrare alcuni sake artigianali in degustazione accompagnati dalle prelibate pietanze preparate dalla chef Mirai Tsuda presso la libreria TODO MODO, in Via Dei Fossi 15 rosso, Firenze. Dalle ore 19.oo alle 21. € 10.

sakeday2016